"...il più grande alpinista al mondo è quello che si diverte di più" Alex Lowe

domenica 3 febbraio 2013

Val di Fassa - Cascata di Fontanazzo (dx)


Fino ad oggi Fontanazzo ci era noto per il motivo più goloso: la dolciaria Fassana.
Il pensiero dei dolci che ci aspettano prima di risalire in macchina attutisce i -12° C che ci accolgono all'attacco della cascata. Oggi siamo in buona compagnia tra vecchi compagni di università e nuovi amici. Guidati da due ghiacciatori provetti superiamo i primi due facili risalti senza tirare fuori le corde che invece serviranno eccome per la seconda parte della salita. I tre tiri che affrontiamo sembrano essere studiati apposta rispettivamente per: iniziare a conoscere il ghiaccio, approfondirne la conoscenza e l'ultimo, più lungo e continuo nelle difficoltà (40 mt, 80°-85°, provate due varianti d'uscita), per farti sudare sette camicie
Un grazie ai due capi cordata Giò e Serra in attesa di altre uscite estreme!!!


                                  

preparativi





sul secondo salto









sul secondo tiro














il terzo tiro



l'Ultimo Dominatore del ghiaccio!





sguardo verso i Sassi di Varana


1 commento:

  1. Noi 2 giorni prima su quella di SX. Confermo belle cascate anche se di wilderness non c'è nulla per la vicinanza degli assordanti impianti e per le soste attrezzate a falesia.
    p.s.
    L'ultima foto non è il Catinaccio ma il Sassolungo con punta Grohmann, Innerkofler e Sassopiatto in bella evidenza ;-)

    RispondiElimina