"...il più grande alpinista al mondo è quello che si diverte di più" Alex Lowe

giovedì 1 marzo 2012

M. Prado, Parete Est

Quest'inverno dai mille volti è davvero imprevedibile, noi proviamo a rincorrerlo, e domenica risaliamo di buon mattino la valle del Dolo. All'orizzonte il M. Prado, insieme al suo sperone, meglio conosciuto come Sassofratto, sono la nostra meta. Il rigelo notturno sui versanti nord ha fatto il suo dovere, e risaliamo abbastanza velocemente al Vallone dei Porci, splendida conca glaciale dalla quale si innalzano le due moli rocciose del M. Prado e del Sassofratto.
Tra i numerosi canali che solcano il versante est del Prado, saliamo la via della Clessidra al centro parete, con variante finale detta Clessidra Alpinistica, che si impenna sino a 60° su ottima neve ghiacciata (AD). Il secondo canale baciato dal sole (Pigreco, AD-) alterna tratti di neve sfondosa a tratti dove si spiccozza sull'erba, ma il divertimento e l'Avventura appenninica sono comunque assicurati. Ci spostiamo poi sul versante Nord del sassofratto dove saliamo il Canalone Nord (PD+).
Riguadagnamo il Vallone dei Porci per uno scivolo ghiacciato dove facciamo uno strano incontro con un cane stravolto dalla fatica... i padroni lo riporteranno a valle nello zaino. Noi invece zampettiamo verso valle pienamente soddisfatti della nostre "inutili" conquiste di giornata... ma oggi, pienamente soddisfatto per il suo nuovo giocattolo, è un misterioso personaggio che si aggira nella borgata di Case Civago con il vizio di immortalare con scatti d'autore l'alta valle del Dolo... non poteva capitare in mani migliori la reflex di Barba, che passerà il resto della sua esistenza ad immortalare i boschi dell'Abetina Reale, con impresse sulla memoria digitale, in modo indelebile, i contrafforti rocciosi della Valle dei Porci...

AGGIORNAMENTO DI CINQUE GIORNI DOPO
è venuta a meno la promessa, e la reflex del Barba si è ribellata al nuovo padrone! è stata obbligata a fotografare la movida nei locali notturni di Fontanaluccia ed è quindi scappata rifugiandosi a luoghi a lei più consoni quali lo spigolo del Dolo... lì, assicurata ad una lama rocciosa attende il suo vecchio padrone, con la promessa di entrambi di rimanere stavolta, insieme per sempre...!

Due scorci della parete Est del Prado con le vie salite

Lungo la Via della Clessidra. A dx continua il canale principale, a sx la strettoia dove inizia la variante Alpinistica

Progressione in un ottimo budello ghiacciato fino all'uscita

Sulla cima spelacchiata del Prado

Il canale Pigreco, in alto secchissimo

Il versante Nord del Sassofratto che stiamo per attaccare

Su per il Canalone Nord...

...e giù per il Canale di destra, sempre su neve dura e divertente

poveretto...

video

Nessun commento:

Posta un commento