"...il più grande alpinista al mondo è quello che si diverte di più" Alex Lowe

martedì 3 gennaio 2012

Parete San Paolo - via Nereidi

In questo inverno balengo iniziamo l'anno con una via di valle. Precisamente alla Parete San Paolo in Valle del Sarca. Il meteo risulta essere meglio rispetto alle nostre aspettative, permettendoci così di trarre piacere su questa via Nereidi, una delle tante creazioni armoniche di Heinz Grill e compagni. Il percorso è divertente e nonostante lo sviluppo contenuto assume un sapore vagamente alpinistico dato che le protezioni sono quasi sempre naturali, tra buchi, alberi e clessidre. Oggi la rampa iniziale era un colatoio di acqua e fango per le recenti piovute e in più punti abbiamo dovuto immergere le dita in vere e proprie pozze. Le difficoltà massime arrivano al V+ sull'esposto traverso del penultimo tiro, per il resto si va sempre sul più facile. Dopo la salita decidiamo di spendere un altro paio di ore a far finta di allenarci nella bella falesia di Massone. Ma l'ambiente è poco confacente, almeno per gli Alpinisti duri e puri. Morale: meglio un terzo sprotetto che un 7a in falesia!! Spesso però tutte le scuse son buone....
(nella foto in alto a sx il tratto di parete dove corre la via)

Al solito, uno splendido video gioioso: http://vimeo.com/34616048

4 commenti:

  1. Sempre divertente Nereidi. Da buon sgrillettatore (non fraintedete) condivido solo in parte l'aggettivo armoniche delle creazioni. Se alcune vie hanno una linea ineccepibile, altre, prima fra tutte "il mercurio serpegiante" sono senza senso oppure, per esempio Athene non è per niente etico addomesticare un tiro creando appigli dove non ce ne sono...buone scalate!, preferibilmente su neve o ghiaccio visto la stagione :)
    Il video non va :/

    RispondiElimina
  2. Infatti ci siamo divertiti un sacco a cercare la presunta armonia nel fango dei primi tiri.....
    Il video è operativo!!!!

    RispondiElimina
  3. se vi siete divertiti bravi, ma ndare fino ad arco per una via del..... la prossima volta fate la renata rossi anche se un po untina.

    RispondiElimina