"...il più grande alpinista al mondo è quello che si diverte di più" Alex Lowe

domenica 24 gennaio 2010

CANALE CENTRALE M. GIOVO

Ormai abbiamo l'abbonamento a questa zona appenninica e non perdiamo occasione per arrampicarci su questi pendii. Il canale Centrale del Lago Santo, già salito e descritto dagli Alpinisti del Lambrusco nel Dicembre 2008, è senza dubbio l'ascesa alpinistica più famosa e ripetuta dell'intero gruppo. Spazio a qualche immagine di
giornata....
La plurifotografata parete Nord -Est del Monte Giovo con la via di salita

verso l'attacco del canale

Il canale centrale visto dall'uscita

La via Diretta alla croce prossimo obiettivo imminente

Il casco va allacciato!! sarà ritrovato miracolosamente illeso 400 m più a valle!


Via di discesa per il comodissimo e collaudatissimo canale ALP 99

sabato 16 gennaio 2010

CRESTA GIOVO-RONDINAIO

La familiare linea di Cresta Giovo-Rondinaio scelta come logo dagli Alpinisti del Lambrusco

La Cresta che collega tutte le principali cime del gruppo, dal M. Giovo sino al M. Rondinaio Lombardo, ha uno sviluppo di circa 4 Km e racchiude il vallone alpestre del Lago Baccio. E' un percorso spettacolare, aereo, divertente e mai monotono, che specialmente se percorso in una limpida giornata d'inverno regala scorci panoramici indelebili. Per gli Alpinisti del Lambrusco su questa cresta è come sentirsi a casa: le frequenti raffiche di vento, i ripidi canali di accesso alla cresta e le pareti verglassate sono state spesso la loro palestra invernale di allenamento.
La neve in basso non è ancora trasformata e quindi optiamo, come percorso di accesso alla cresta, la facile via Normale al Giovo nel versante della Borra dei Porci. In realtà poi così facile non è poichè nel primo tratto si sprofonda parecchio. Man mano che ci alziamo di quota tuttavia le condizioni migliorano e all'uscita in cresta la neve si presenta crostosa e portante. Si alternano tratti nevosi più o meno affilati, a tratti rocciosi verglassati ai quali bisogna prestare maggiore attenzione. Proseguiamo veloci, senza attrezzatura particolare, siamo legati in cordata e ci serviamo solo nei punti più ripidi delle piccozze e dopo 2 ore di cresta siamo in vetta al Rondinaio con circa 60 scialpinisti che ci battono alla grande la via di discesa.
Ottima giornata e gita vivamente consigliata a tutti soprattutto chi non l'ha mai provata, magari coprendo la traversata integrale sino al Rondinaio Lombardo.


L'accesso alla cresta per la via Normale del versante della Borra dei Porci

Vecchi ricordi all'orizzonte_Alpi Apuane


Tratti di cresta


Passerella verso il Rondinaio (o il Paradiso??..)

Il Verglass schiumoso
Sulla cima del Rondinaio (noi scendiamo ma ne mancherebbe un pezzo..)
sicuramente torneremo..